gem pages image
gem pages image
gem pages image

Un Po d'Amare, fermiamo la plastica sul fiume

DAVINES COMMUNITY

La campagna Tuteliamo il Mare2019 arriva alla sua ultima tappa: installate le barriere blocca-rifiuti sul fiume Po. 

Per salvare il mare dall’inquinamento bisogna innanzitutto partire dai fiumi. Per questo, nel 2019 la campagna Tuteliamo il mare Davines ha collaborato alla realizzazione del progetto Un Po d'Amare, per intercettare direttamente sul principale corso d’acqua italiano – il Po - i rifiuti che vengono dalla terraferma. 


La campagna Tuteliamo il mare 2019 ha coinvolto 1800 saloni Davines in Italia e attraverso il loro contributo è stato possibile donare più di 36.000 euro destinati alla creazione e il posizionamento di apposite barriere lungo il fiume Po, nella zona di Sacca di Colorno vicino a Parma.

gem pages image

Come funzionano le barriere?

Queste barriere permetteranno alla plastica di essere recuperata più facilmente e quando è ancora riciclabile, in quanto non ancora entrata in contatto con il sale marino e non ancora esposta all’azione di acqua salata e sole principali cause del suo degrado e scomposizione in microplastiche. 


I rifiuti intercettati dalle barriere verranno raccolti da piccole imbarcazioni e una successiva accurata selezione ne consentirà l’inserimento nel sistema di riciclo nazionale attraverso il loro invio agli appositi centri di raccolta, con la prospettiva di sviluppare nuovi utilizzi.

Video
gem pages image

In ordine da sinistra i rappresentanti di: Fondazione Sviluppo Sostenibile, Castalia, Autorità Distrettuale Fiume Po, Davines, Corepla

Gli attori in campo

La tutela dell'ambiente è uno dei settori nei quali Davines è da sempre fortemente impegnata, in continuità con la filosofia del movimento B Corp - che abbiamo deciso di abbracciare fin dal 2016 eche ci impegna a fare del nostro meglio per avere un impatto positivo sul pianeta.

Per questo progetto, insieme a Davines sono entrati in campo enti istituzionali e aziende private, che hanno dato un contributo fondamentale. Tuteliamo il mare è stato infatti realizzato con il coordinamento istituzionale dell’Autorità Distrettuale del fiume Po e in collaborazione con:  

  • Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile- think thank che promuove una transizione verso la green economy
  • Castalia Operations- ente operante nel campo delle attività marittime e della salvaguardia del mare, con il compito di posizionare le barriere blocca rifiuti
  • Consorzio Corepla- consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero dei rifiuti plastici a tutela dell’ambiente

Obiettivi per il futuro

Le barriere rimarranno installate sul fiume Po per due mesi, da gennaio a marzo 2020, e oltre a raccogliere i rifiuti ci daranno indicazioni importantissime sulla quantità e sulla tipologia dei rifiuti stessi. Queste informazioni consentiranno di portare avanti altre azioni preventive, oltre a restituire un dato sulla qualità dell'acqua del fiume stesso. 


Questo progetto sta diventando un buon esempio per molti altri territori e può essere replicato in molti altri fiumi italiani: lo speriamo. La stessa sperimentazione è già stata realizzata a Ferrara, Torino e Roma con ottimi risultati. 

gem pages image
gem pages image
gem pages image
gem pages image
gem pages image